Orti in Piedi a Campogalliano sabato 24 maggio con Slow Food

22 maggio 2014

Sabato 24 maggio
Laghi Curiel
via Albone 27
Campogalliano – Modena

dalle ore 10.00 alle 23.00


ORTI IN PIEDI
ISTRUZIONI PER L’USO SU COME CREARE
E MANTENERE UN ORTO IN CASA

Slow Food Modena presenta la prima iniziativa sugli orti verticali urbani progettati e realizzati in modo “Buono, Pulito e Giusto”. L’iniziativa nasce dalla necessità di approfondire gli aspetti culturali e pratici della coltivazione di orti in spazi non convenzionali, come terrazzi, balconi o finestre. Orti in Piedi porterà la filosofia Slow Food all’interno di questo innovativo modo di auto-prodursi il cibo; non è infatti sufficiente accudire le piante, ma lo si deve fare nel rispetto dell’ambiente, della biodiversità e per il piacere di consumare cibo gustoso. La giornata offrirà ai partecipanti lezioni e workshop tenuti da esperti di fama nazionale, un mercato con piante da orto biologiche, laboratori per bambini e appuntamenti enogastronomici.Ingresso gratuito

Qui il programma, c’è anche il nostro amico Roberto Tinarelli a parlare
Annunci

Che cos’è un orto sinergico?

21 ottobre 2013

Prosegue il ciclo di incontri “Famiglie sostenibili” con una serata dedicata all’orto.

GIOVEDI 24/10 alle ore 21 Roberto Tinarelli ci introdurrà alle caratteristiche di un orto senza zappature, concimi e fertilizzanti, dove piante diverse coesistono e collaborano tra loro per stimolare la fertilità del suolo e ridurre l’intervento dell’uomo.

L’incontro si svolgerà a Soliera, nella Sala Consiliare Castello Campori in Piazza Sassi.

Famiglie sostenibili

Famiglie sostenibili 2013-2014

Cicli di incontri sugli stili di vita sostenibili
Vivere con meno significa spendere meno, inquinare meno, sprecare meno, riciclare, riutilizzare, tutelare l’ambiente, avere più tempo, fare più cose, essere resilienti

A cura di
Centro per le Famiglie
Unione delle Terre d’Argine
Carpi Transizione


Appuntamenti per la settimana

20 ottobre 2013

Quattro eventi, di cui uno organizzato da noi.
Attenzione: l’incontro sull’orto sarà a Soliera.

  • Il cacao e i suoi retrogusti
    Mercoledì 23/10 ore 20.30
    Eortè Social Bar, piazza Fratelli Sassi 10, Soliera (MO)
    Info e prenotazioni 0597102146 / 3452931387
  • COS’È UN ORTO SINERGICO?
    Giovedì 24/10 ore 21
    Sala Consiliare Castello Campori – Piazza Sassi, Soliera (MO)
    Puntata del ciclo “Famiglie sostenibili” con l’esperto Roberto Tinarelli.
  • Linux day
    Sabato 26/10 dalle 9 alle 18
    Biblioteca Loria, via Rodolfo Pio 1 Carpi (MO).

Domani all’orto si trapianta

5 aprile 2012

Domani venerdì 5  aprile si semina e si trapianta. Zucchine, pomodori, cetrioli, cavoli ecc. La progettazione dei bancali la faremo sul posto cercando di incastrare al meglio le esigenze di consociazione.

Alcune piantine sono state prodotte da noi in piccoli semenzai casalinghi, ma quelle migliori ce le passa Carlo, suocero di Cesare che ringraziamo.

Sarà una ottima occasione per vedere come crescono gli ortaggi seminati a partire dalla fine di febbraio.

Per chi vuole venire a vedere e a chiacchierare appuntamento dalle ore 18 alle 19.30 circa, in via Falloppia, 13.


Orto a marzo

12 marzo 2012

Nonostante qualche disguido, ieri abbiamo lavorato all’orto. Abbiamo visto che in due ore si fanno tante cose e si ha un risultato visibile: l’orto quest’anno si prospetta meno impegnativo come lavoro manuale, vedremo!

In due ore abbiamo sistemato alcune cordicelle che ci serviranno per leguminose e pomodori, abbiamo seminato cipolle, rucola, bietole nei due bancali vicino al barbecue e ragionato insieme su come sistemare i prossimi semi e piantine.

Progettiamo sul campo, tenendo conto di consociazioni e non-consociazioni, di ciò che abbiamo a disposizione e del calendario lunare. Fatte tutte queste considerazioni, nella parte superiore di un bancale metteremo le future piante di pomodori accanto a quelle già trapiantate di piselli e fagioli, separate però dalle melanzane, che nulla temono.

Sabato 17 marzo alle ore 16 ci troviamo per osservare l’orto: cosa sta crescendo delle semine appena fatte? Quali piantine hanno resistito all’inverno ed ora escono al sole?

Poi lavoreremo per sistemare un bancale con le assicelle, seminare e trapiantare.

Vi aspettiamo! 

Potete venire per lavorare, guardare lavorare, chiacchierare di orto e agricoltura sinergica, osservare,

tutto piacevolmente all’aria aperta.


Orto a febbraio

4 marzo 2012

Ebbene sì, l’orto si è risvegliato!
Anzi, probabilmente non ha mai dormito…

Sotto la neve abbiamo trovato qualche radicchio:
hanno un buon aspetto e sembra che riprendano vigore

È ri-spuntata anche una piccola pianta di cavolo,
che non sono mai maturati (ci hanno detto che
quest’anno non è stata una buona annata di cavoli…)

e alcune piante aromatiche

Nei giorni scorsi abbiamo trapiantato alcune piantine di leguminose

e prossimamente metteremo a dimora o semineremo
altre leguminose (piselli e fagioli),
liliacee (aglio, cipolla, cipollotti, porri),
carote, bietola, cicoria, ravanello, rucola, finocchio, prezzemolo e insalate.

Siete tutti invitati domenica 11 marzo, per piantare e seminare!
Saranno utili guanti, coltello e cucchiaio.

Ci troviamo alle ore 10.


Salsa di pomodori verdi

13 gennaio 2012

Ciò che il nostro orto ha prodotto  lo abbiamo consumato quasi tutto sul momento. La stagione dei pomodori, complici le temperature e il sole di settembre ed ottobre, non voleva mai finire. In realtà i pomodori ad ottobre faticavano a maturare e il primo di novembre abbiamo raccolto tutto, abbiamo abbattuto le piante lasciando la radice e adagiato i fusti sul bancale per costituire paccimatura.

Con i 6-7  kg di pomodori verdi raccolti a fine stagione Deanna, mamma di Chiara,  ha prodotto 8 vasetti di salsa che definire eccellente è poco. Il know how pertanto è da diffondere assolutamente.

Salsa di pomodori verdi

salsa_di_pomodori_verdi

L' aspetto è invitante e.. coerente con il sapore

Ingredienti: pomodori puliti (senza semi) e cipolla al netto con stesso peso, tagliati e poi sminuzzati. Pesare il tutto e per ogni kg aggiungere 2 cucchiai di aceto bianco, 2 cucchiai di zucchero e 2 di sale. Far bollire per 5-6 minuti. Mettere in un canovaccio in modo che perda tutto il liquido ( io lo metto in un sacchetto di stoffa che poi appendo  e lascio a scolare tutta la notte). A freddo aggiungere prezzemolo tritato, 2 spicchi d’aglio ogni kg e condire con olio. L’olio deve coprire del tutto quando la salsa è nel vasetto, lasciare i vasetti col coperchio solo appoggiato e controllare per 4-5 giorni che l’olio resti sopra.

L’esperienza della conserva di pomodoro fatta da Chiara e Gabriele qui e la salsa appena descritta sono due esempi di come conservare abbondanze di cibo prodotto che non si riescono a consumare o che comunque non si mantengono per molto tempo, come ad esempio la zucca, le pere, le prugne, ecc.

Mi sta venendo voglia di provare a conservare le ciliegie dell’albero che abbiamo vicino all’orto: che cosa ne pensa il gruppo alimentazione? Facciamo insieme?