La chimica in agricoltura e il progetto “Adotta un’arnia”

7 giugno 2016

Segnaliamo due iniziative interessanti.

La prima è la serata organizzata dal Movimento 5 Stelle di Carpi sui temi della chimica in agricoltura martedì 14 giugno

13414614_10209410439159209_854031044_n

La seconda è il progetto “Adotta un’arnia” dell’Azienda Agricola Pellacani di Carpi.

“La nostra azienda agricola si trova nel territorio carpigiano , una delle zone dell’Emilia colpite dal terremoto del 20/29 maggio 2012. Siamo stati duramente colpiti e dopo 4 anni dall’evento siamo ancora piazzati in giardino dentro ad un modulo abitativo di 30 mq in quanto a tutt’oggi tutti i fabbricati dell’azienda sono inagibili e la ricostruzione stenta a partire.  In questi 4 anni abbiamo dato fondo ad ogni risorsa economica a nostra disposizione per cercare di ripristinare la nostra attività prevalente di apicoltura. Tuttavia, dopo tanti sforzi e con la piena volontà di non mollare, siamo costretti a chiedere l’aiuto solidale di chi vorrà attraverso il progetto che sottoponiamo, rendendo noto che non si tratta di un contratto commerciale ne un mero tentativo di impietosire qualcuno ma di un atto volontario di sostegno “diretto” alla sopravvivenza dell’azienda stessa in condivisione dei nostri valori.”

Di seguito il manifesto del progetto con tutte le indicazioni per aderire

MANIFESTO

 

 

Annunci

Comunicato Stampa della coalizione italiana #StopGlifosato

18 maggio 2016

COMUNICATO STAMPA

#StopGlifosato

coalizione-ita-stop-glifosato

Le 38 associazioni su assoluzione parziale glifosato da parte di OMS/FAO: “Un disastro istituzionale. Necessaria una ricerca indipendente. Non ripetiamo gli errori del passato.

Oggi e domani si decide a Bruxelles la sorte del Glifosato e in un quadro d’incertezza si ribadisce l’esigenza di una forte cautela sull’uso del diserbante, va autorizzato solo se viene accertata la non pericolosità

Roma, 18 maggio 2016 – All’indomani della presentazione dello studio condotto da OMS e FAO che assolve parzialmente il glifosato dall’accusa di essere un probabile cancerogeno per l’uomo –limitatamente alla sua assunzione attraverso residui negli alimenti ma senza considerare altri tipi di esposizione e di contaminazione – e che dunque smentisce in parte la ricerca dello IARC proprio in coincidenza con la riunione del PAFF (comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi), che si tiene oggi e domani a Bruxelles, la Coalizione italiana StopGlifosato torna sull’argomento.

LEGGI TUTTO sul blog della Campagna nazionale per la difesa del latte materno dai contaminanti ambientali


Glifosate: incontro pubblico a Campogalliano

13 maggio 2016

Dal blog di Campogalliano in Transizione :

Prologo (fonte Monsanto)
“Tutto è cominciato con un giovane chimico di nome John Franz trasferito nel 1967 alla divisione agricola di Monsanto.

Dopo tre anni di ricerche, Franz e il suo team ebbero successo nel sintetizzare la molecola che avrebbe cambiato la tecnica di coltivazione per sempre: il glifosate, la sostanza attiva della formulazione Roundup® di Monsanto.
I risultati dei test preliminari di valutazione erano così spettacolari che la prima relazione sulle prove fu di una parola sola, “EUREKA!”… lo abbiamo trovato! Si riscontrava che l’erbicida era efficace non solo sulle infestanti annuali, ma anche sulle perenni, ed era attivo sia sulle foglie sia sulle radici. Dopo anni di ricerca e ingenti investimenti, nel 1974 Monsanto dà il via alla commercializzazione di Roundup® in UK e Malesia. Il momento era perfetto perché negli anni ’70 si era alla disperata ricerca di un erbicida efficace e al contempo più rispettoso dell’ambiente e Roundup® prometteva di esserlo. Per la sua scoperta, John Franz ricevette la Medaglia Nazionale Statunitense della Tecnologia nel 1987 e fu annoverato nella Hall of Fame degli Inventori Statunitensi nel 2007. ”

Abbiamo forse scelto un modo un po’ inatteso per introdurre questo post sulla questione del glifosate nelle acque potabili del nostro Comune.

Nell’epoca in cui stiamo vivendo, dove una cosa può essere assolutamente vera o assolutamente falsa, a seconda dei presupposti che vengono scelti per stabilire ciò che è prioritario, non c’è da stupirsi che il glifosate sia stato considerato per decenni una grande trovata (pure rispettosa per l’ambiente, almeno secondo chi la vende), mentre ora viene classificato dall’Agenzia Internazionale per la ricerca contro il cancro (IARC) come sospetto cancerogeno e additato un po’ da tutti, anche per l’uso smisurato che ne viene fatto a livello mondiale. Vi ricorda quacosa questa storia? Prodotti perfetti, innocui, economici, comodi che poi si rilevano dannosi direttamente (amianto) o indirettamente (CFC, con il conseguente buco nell’ozono).

La domanda, semplice, da cui siamo partiti per elaborare questa riflessione è: “Perché si usa il glifosate?”

La risposta, in sintesi, potrebbe essere all’incirca: “l’uso del glifosate è una pratica agricola per eliminare le erbacce che crescono spontaneamente ovunque e che consente di ridurre decisamente i costi delle lavorazioni del terreno.”

Facile dedurre che l’utilizzo massivo del glifosate, si deve al fatto che è un’ottima risorsa per l’agricoltura intensiva, e più in generale di un sistema socio-economico basato sulla crescita continua e sull’utilizzo “fin quando ce n’è” delle risorse del pianeta.

Quindi se da un lato è doveroso approfondire la questione del glifosate nell’acqua pubblica, dall’altro dobbiamo essere consci del fatto che questo non è altro che uno dei tanti sintomi della malattia che affligge il nostro pianeta, altrimenti corriamo il rischio di vedere il dito che indica la luna e non la luna.

Qui il resto del post e di seguito la locandina dell’incontro.

4670-lagiuntacomunica_17mag16_odg

 

 

 


Orti urbani comunali

17 marzo 2016

Il Comune di Carpi mette a disposizione piccoli lotti di terreno di proprietà comunale da adibire ad orti e giardinaggio ricreativo.
I cittadini interessati potranno presentare domanda su apposito modulo a partire dal 14 marzo 2016 ed entro e non oltre le ore 12.30 del 6 aprile 2016.
Qui si possono trovare  maggiori informazioni sui requisiti previsti e su come inoltrare la domanda

 


2 serate a tema alimentazione a Campogalliano

23 novembre 2015

Dal sito di Campogalliano in Transizione:

Abbiamo invitato il Dott. Ruggero Alberto Consarino, medico omeopata, ostetrico ginecologo ed esperto di alimentazione a parlare di cibo venerdì 4 dicembre 2015 alle ore 20.45, il tema della serata sarà IL CIBO: salute, etica e sostenibilità Viaggio tra luoghi comuni e teorie contrastanti per approfondire le tre grandi tematiche legate al cibo. La seconda serata si terrà martedì 15 dicembre 2015 sempre alle ore 20.45,il titolo sarà Quanto pesa la SPESA? Mettere un articolo nel carrello…Un piccolo gesto ma grandi responsabilità, perchè un etto di carne non pesa come un etto di insalata.

Gli incontri sono ad ingresso gratuito e si terranno presso la sala polivalente di Villa Barbolini, Via Mattei 13, Campogalliano, entrata dalla scala esterna sul retro

Per info campogallianotransizione@gmail.com

locandina consarino


L’esperienza di Davide Bochicchio e gli Streccapogn

25 giugno 2015

Il nostro amico di lunga data Davide, che ricorderete come relatore alle nostre serate sull’alimentazione, è stato intervistato riguardo alla sua esperienza nell’agricoltura sostenibile con l’associazione Streccapogn.

Qui il post per saperne di più


MODENA PER LA SOVRANITÀ ALIMENTARE – 24 maggio

19 maggio 2015

È possibile oggi nutrire Modena rispettando i principi della Sovranità alimentare? Quali le sfide per il territorio e i suoi abitanti?

MODENA PER LA SOVRANITÀ ALIMENTARE

Riflessioni e proposte dal mondo della piccola agricoltura biologica e dell’economia solidale

Domenica 24 maggio, ore 10

Fattoria Centofiori – Sala LEA
Strada Pomposiana 292 – Marzaglia (Mo)

Per la costruzione di un documento da portare a Expo dei Popoli (il forum internazionale della società civile e dei movimenti contadini: Milano, 3-5 giugno 2015, Fabbrica del vapore) sono invitati a partecipare quanti avranno idee, buone pratiche o progetti da condividere!

SCARICA IL PROGRAMMA – INGRESSO GRATUITO SENZA PRENOTAZIONE

E a proposito di EXPO, si legga la Dichiarazione pubblica sulla “Carta di Milano” firmata, tra altri, da Moni Ovadia, Alex Zanotelli, Vittorio Agnoletto.