Alcuni prossimi appuntamenti

13 giugno 2016

L’Associazione Tempo di Vivere, Ecovillaggio a Marano sul Panaro, ha organizzato un Corso di Progettazione Partecipata in Permacultura dal 24 al 26 Giugno 2016.

Qui tutte le informazioni.

Inoltre Venerdì 24 Giugno, il docente del corso Stefano Soldati terrà una conferenza aperta a tutti dal titolo “Tendere all’autosufficienza con gli strumenti della progettazione in Permacultura”. La serata si svolgerà alle 20.30 presso Sala Pucci di Modena
Strada Canaletto Centro 108, Modena. 

CONFERENZA A INGRESSO LIBERO, APERTA AL PUBBLICO

preferibile la prenotazione (posti limitati)

Per informazioni e prenotazioni

Simona 339 5618408 – Katia 329 0218941

principipermacultura

Inoltre Sabato 25 Giugno a Carpi, nel Cortile d’Onore di Palazzo Pio dalle 9.30 alle 12.30 si terrà un’asta di beneficenza.

30 biciclette, divenute di proprietà dell’Ente pubblico trascorso un anno dal ritrovamento, vengono messe all’asta con lo scopo di raccogliere fondi destinati all’Assessorato servizi sociali per l’acquisto di latte in polvere e pannolini per bambini a sostegno delle famiglie con disagi socio- economici. L’iniziativa è promossa dalla Polizia Locale e dall’Unione Terre d’Argine in collaborazione con il Comitatissimo della Balorda.

 

 

 

 


Cosa è la Permacultura – Incontro a Scandiano

18 novembre 2012

I gruppi di Reggio Emilia e Scandiano ci invitano martedì 20 alla

Serata di introduzione alla Permacultura

La Permacultura è un modo creativo e abile di progettare la nostra vita, in cui i rifiuti diventano risorse, la produttività e le rese aumentano, il lavoro è ridotto al minimo, le persone e la natura sono integrati – tutto ciò attraverso la pianificazione attenta e un approccio rispettoso della vita. Così creiamo un ambiente in cui tutti possano prosperare in sintonia con la Cura della Terra, la Cura delle Persone e il Consumo Equo.

Argomenti della serata:
Cosa è la Permacultura * Etica e Principi * Permacultura Urbana * Orti in Città * Piccoli Animali * Risparmio dell’Acqua * Riuso e Riciclo Creativo * Tetti Verdi

Qui il volantino Cosa è la permacultura.pdf

Relatrice: Elena Parmiggiani, Diplomata presso l’Accademia Italiana di Permacultura

Evento realizzato per “Incontri d’Inverno della Transizione”,
una iniziativa di Scandiano Città in Transizione.


Domenica all’orto

13 novembre 2011

L’attività nell’orto prosegue con i lavori di riordino dei bancali: vorremmo apportare dei miglioramenti per la prossima primavera.

Metteremo altri tutori per far salire in alto pomodori, fagioli e piselli, e delle assi per delimitare i bancali e non far scendere terra e paglia.

Ci sono ancora alcune piante, pomodori, bietole, radicchi, cavoli e le erbe aromatiche. Osserveremo quelle che non producono più e le faremo diventerare pacciamatura, senza togliere le radici.

Chi vuole lavorare nell’orto?

Ci troviamo domenica 20 novembre, dalle ore 14.30, presso il giardino delle strutture protette di fronte all’ospedale di Carpi, p.zzale Donatori di Sangue.

A breve ci piacerebbe organizzare una serata di resoconto/racconto di un anno di orto sinergico, cosa ne dite?

L'orto sinergico è nel giardino della struttura "Il Carpine", a cui si accede dal parcheggio dell'Ospedale Ramazzini


GALLINE!

3 giugno 2011

“Legno” scrive della sua recente esperienza con le galline.

Non lasciatevi ingannare dal fatto che è esilarante;
è estremamente istruttivo e serio.

GALLINE

ATTENZIONE!

SPOILER!

CONSIGLIO n.° 4

Se vuoi tenere delle galline, devi provare a volerci bene.


Non siamo soli nell’orto

26 aprile 2011

Eh sì, nell’orto non siamo soli. Osservare per credere:

qualche lumaca c’è!!

Abbiamo trapiantato molte piantine: cipollotti, porri, zucchine, cetrioli, e soprattutto pomodori. Nicoletta e Cesare ci hanno donato 123 piantarole amorevolmente cresciute dal papà di Nicoletta,  di queste 101 erano piantine di pomodoro suddivise in 11 specie (datterino, datterino giallo, ciliegino, “resta”, “resta” piccolo, “pontincelli”, piccolo, palermo, san marzano, cuore di bue, rotondo alto).

I bancali ospitano anche alcuni fiori per abbellire l’orto e per tenere lontani gli insetti: tageti e bocche di leone, prossimamente calendule e nasturzi che stanno crescendo nei nostri semenzai.

L’osservazione dei bancali è importante in un orto sinergico perchè le orticole sono mescolate, non ci sono le file di ortaggi. Per noi poi è indispensabile abbinare l’osservazione alla piantina dei bancali per ripescare quel poco che ricordiamo sulle piante da orto. E così abbiamo avvistato

cespugli di ravanelli

timida rucola?

————————————————————————————————–

insalatina (ovvero misticanza di lattughe)

bietoline

aglio

————————————————————————————————–

Ci siamo accordati con Daniele, il tuttofare delle strutture, per abbellire la fontanella del giardino, anche per evitare che le zanzare la eleggessero a dimora permanente. Ora la fontanella, non più funzionante, ospita tageti e petunie.


Aiuto, cerco vasi strani!

19 febbraio 2011

La primavera si avvicina e diventa urgente preparare orti, balconi e qualunque scampolo disponibile per la stagione vegetativa.

Sto cercando di realizzare una cornice di vasi a ridosso delle balaustre dei balconi. L’idea è di farli poco profondi (per recuperare spazio) e alti (per dare profondità e riserva d’acqua alla terra).

Sono disposto a prenderli fatti, costruirli da zero, recuperare recipienti originariamente destinati ad altro uso (quest’ultima è la via che preferisco, anche per trovare una soluzione sostenibile e a basso costo per chiunque altro voglia seguirmi in questa idea).

La forma precisa non è fondamentale, solo è bene che siano sufficientemente larghi per non impazzire con una selva di fustini a birillo.

Le misure di massima sarebbero:

Altezza 70-90 cm
Larghezza 40-120 cm
Profondità 10-30 cm

Francesco
f.rustichelli@gmail.com


Prima giornata di lavori per l’Orto Sinergico

5 febbraio 2011

preparazione terra

Oggi si è conclusa la prima giornata di lavori per l’Orto sinergico. Siamo appena partiti, armati di buona volontà e propositi, in un’avventura che è tutta da scoprire. A parte qualche tentennamento su come fare un banalissimo squadro per delineare l’area dell’orto e una indecisione protratta per una buona mezzora se era il caso di provare a lavorare la terra con la motozappa, abbiamo preso una decisione: la terra è stata ritenuta troppo umida  perciò verrà lavorata Sabato prossimo (12-02-2011). Penso che dovremmo abituarci a questo tipo di decisioni prese in base alle esigenze della natura.

L’umidità della terra ci ha però consentito di scavare agevolmente la trincea per la condotta dell’acqua di irrigazione: grazie ad Arnaldo e a Luca al mattino e poi ad Andrea e al sottoscritto nel pomeriggio, siamo riusciti a completare la trincea dall’area orto fino al cancello di entrata della struttura protetta (in totale sono circa 80 metri). Ovviamente c’è ancora del lavoro da fare ma da neofiti del mestiere possiamo ritenerci più che soddisfatti. Possiamo ritenerci soddisfatti anche della numerosa presenza adulti e bambini e speriamo che continui così 🙂

Appuntamento a Sabato prossimo.

Gabriele.