FACILITIAMOCI! Un laboratorio sull’ABC della facilitazione

10 marzo 2016

volantino-facilitazione-carpi-smallCarpi e Campogalliano in Transizione hanno organizzato un laboratorio pratico sulla facilitazione nei gruppi con Deborah Rim Moiso, una delle autrici del manuale + carte-gioco “Facilitiamoci!” di prossima pubblicazione per le edizioni la meridiana.

Il laboratorio fa parte del crowdfunding del progetto di pubblicazione del manuale + carte, di cui potete leggere qui, ed è rivolto a chiunque viva una realtà associativa e/o di lavoro di equipe/gruppo.

Si terrà sabato 16 aprile 2016 al pomeriggio e domenica 17 alla mattina nei locali dell’associazione Sorgente di Vita, via D.Dallai, 38 a Carpi.

Si parlerà di:

  • cos’è la facilitazione
  • gestire una riunione: accordi di base, ruoli, orari
  • al cuore di un progetto: l’ascolto profondo
  • aprire lo spazio: semplici metodologie per raccogliere le idee
  • appunti sul conflitto e le dinamiche di gruppo
  • come stiamo andando? l’importanza del feedback
  • tenere alta l’energia celebrando ogni passo

Il laboratorio è a numero chiuso e sarà richiesto un contributo per le spese. Per informazioni e iscrizioni mandare una mail a carpitransizione@gmail.com o chiamare il 329-1144042 dopo le ore 17.

Più siamo… più bello e arricchente sarà! Passate parola 🙂

Annunci

Serata autocostruzione – Progetto “10000”

3 marzo 2013

Piccolo resoconto sulla serata di giovedì sul tema dell’autocostruzione; il discorso è stato molto ampio, non è facile riportare tutto, ma Alessandra e Mina dell’associazione Bioecoservizi sono disponibili per chi voglia maggiori informazioni sia sul progetto che sull’autocostruzione in generale.

100000000000012A000001C0EB71BA76

La serata aveva l’obiettivo specifico di presentare il “Progetto 10000”, ossia l’autocostruzione assistita di moduli utilizzabili come alloggi o per uso ricreativo e di incontro in materiali bioedili, sostenibili, smontabili, riutilizzabili e soprattutto confortevoli grazie al buon isolamento termico.

10000000000000FF000000FF7FAC11EE

Il progetto è rivolto alle famiglie e ai gruppi di cittadini del cratere del sisma emiliano che hanno necessità di trovare una abitazione temporanea o un luogo per svolgere attività sociali per i prossimi anni, in attesa della ricostruzione. Inoltre esso è pensato per un minimo di 10 nuclei famigliari che vogliano iniziare insieme, formando un Gruppo d’Acquisto.

10000000000001F400000145DD49A3E7  10000000000004D800000249374F6FC3

Alessandra e Mina ci hanno anche parlato di che cosa comporta aderire a un cantiere di autocostruzione: in primo luogo vuol dire rendersi disponibili a partecipare alla progettazione, non più rivolgendosi ai tecnici dicendo quanto si vuole spendere e aspettandosi un prodotto finito.

100000000000018A0000018AC11A71AC

Fin dalle fasi iniziali, si va avanti se si dedica tempo e idee a quello che si vuole costruire; solo così è poi possibile, tra le altre cose, stabilire quali saranno i costi e il lavoro richiesto ai partecipanti. È un passo difficile a volte da fare, ma autocostruire in bioedilizia vuole anche dire guardarsi dentro e capire quanto ci si vuole mettere in gioco, perché non si è più clienti di un mercato ma coproduttori. Inoltre l’autocostruzione fa molto di più che costruire l’edificio, contribuisce ad allacciare rapporti con l’ambiente e con la comunità, soprattutto nei casi in cui le persone vengono da un evento catastrofico in cui non si sono persi solo beni materiali ma anche relazioni tra le persone e i luoghi.

100000000000015E0000012A38C50317

L’autocostruzione con materiali naturali, sostenibili, a filiera corta è anche un modo per far partire certe economie locali che in questo periodo sono stagnanti. Ad esempio, se si costruisce in terra-paglia la paglia può essere fornita da un contadino vicino al cantiere; se si usa il legno esso può essere lavorato da una falegnameria della zona; la lana per isolare le pareti può venire da un allevamento di pecore italiano.

Come ci ha ricordato Mina alla fine dell’incontro, in fondo fino a 50 anni fa l’autocostruzione con materiali locali era l’unico modo per costruire.

10000000000002E10000022805B18FE7


Serata autocostruzione

17 febbraio 2013

Il 28 febbraio 2013 – ore 20.45

presso la Casa del Volontariato, viale Peruzzi 22 a Carpi

ospitiamo l’associazione BIOECOSERVIZI

Bioecoservizi

Gli architetti Alessandra Campanini, Mina Bardiani e Maddalena Ferraresi illustreranno il “progetto 10.000” inerente l’autocostruzione assistita e sostenibile per case temporanee, nel cratere del terremoto 2012.

In quella sede potranno essere raccolte adesioni di persone interessate a realizzare le costruzioni descritte dal progetto.

L’incontro è aperto a tutti; chiediamo a chi conoscesse persone potenzialmente interessate di inoltrare il messaggio.

Il progetto è scaricabile dal sito di Bioecoservizi.


Francesco’s picks – 07/02/2013

7 febbraio 2013
  • Alcune (1) risposte (2) a un articolo senza pudore del Corriere che dà informazioni sbagliate sul fotovoltaico.
  • Certificazione energetica: la metà degli immobili in vendita non è in regola.
    Ma com’è che non mi stupisco?
    In realtà, anche se mediamente scadente, l’efficienza dell’usato italiano varia molto. Tramite una certificazione energetica onesta si può scegliere fra immobili oscillanti tra le classi G, F, E e D, con differenze importanti nei costi di gestione.

Francesco’s picks – 05/01/2013

5 gennaio 2013
  • Geopolitica della scarsità:
    secondo Lester Brown, occorre ridefinire il concetto di sicurezza; i problemi si spostano dalle guerre e dall’antiterrorismo alla disponibilità di acqua, terra e clima per poter produrre cibo.

Progetto SWAP

19 novembre 2012

Per riqualificare radicalmente un quartiere bisogna demolire e ricostruire, ma dove alloggiare gli abitanti nel frattempo? Per esempio nelle migliaia di edifici di nuova costruzione rimasti invenduti. Ci stanno lavorando a Bologna (da SmartCity).

Progetto SWAP – 1a puntata

Progetto SWAP – 2a puntata

Qui nelle zone terremotate molti hanno fatto uno “swap” (ossia un cambio) di casa, ma senza divertirsi e senza averlo progettato prima.

E intanto in un’altra puntata si ammette amaramente che la certificazione energetica (ACE) è fallita.
Possibile che in Italia dobbiamo svilire le cose migliori? Adesso si prova a partire con l’Attestato di Prestazione Energetica (APE); speriamo bene…


Assemblea pubblica per il Parco Lama il 24/10

19 ottobre 2012

mercoledì 24/10/12 alle ore 21.00

in Sala Congressi, Viale Peruzzi, Carpi

La questione del parco apre un ventaglio di temi importante.
Abbiamo da dirci tanto… cominciamo mercoledì!