Domenica si parla di resilienza con Luca Lombroso

1 febbraio 2017

Si terrà domenica 5 febbraio a partire dalle 17.00 nella galleria del Centro Commerciale Il Borgogioioso di Carpi l’incontro – conversazione dedicato al tema della resilienza con Luca Lombroso, meteorologo e divulgatore ambientale.

Dalle 15.00 alle 19.00 si terranno a cura dell’associazione culturale IncontrArti – Spazio ERRE i laboratori “Gli Omini ERRE” rivolti a bambini e ragazzi. Durante i laboratori espressivi, attraverso il riutilizzo di materiali, si potranno costruire gli Omini ERRE e dare libero sfogo alla propria creatività e fantasia.

In qualità di scrittore di temi ambientali Luca Lombroso ha licenziato diversi libri, che uniscono all’approccio scientifico e all’ampia documentazione una facilità di lettura e una simpatia tutta emiliana. Al Borgogioioso presenterà la sua ultima fatica: “Ciao Fossili – Cambiamenti climatici, resilienza e futuro post carbon”.

Una buona occasione per ascoltare Luca o riascoltarlo.

L'immagine può contenere: 1 persona

2 gradi: Luca Lombroso a TedX Bologna

18 novembre 2016

Il 22 Ottobre a Bologna Luca ha partecipato a una conferenza Ted.

Il suo video è un riassunto brillante e un po’ preoccupato delle presentazioni che sta facendo in giro per l’Italia (anche se al momento è in missione di lavoro in Costarica) per portare il suo libro “Ciao Fossili”.

Buona visione


Cambiamenti climatici sostenibili

8 ottobre 2016

Nell’ambito della Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno, il GAAM (Gruppo Aiuto Allattamento Materno) di Carpi in collaborazione con noi di CarpiTransizione e con Campogalliano in Transizione, ha organizzato Venerdì 7 Ottobre una serata molto molto transizionista.

Si è infatti parlato di tre argomenti che viene più facile, di solito, trattare separatamente: i cambiamenti climatici, di cui ci ha parlato Luca Lombroso presentando il suo ultimo libro “Ciao Fossili“;  la gestione delle emergenze di cui ci ha parlato Mauro Zanazzi rappresentante della Protezione Civile del Comune di Carpi, e l’alimentazione dei bambini e il sostegno ai soggetti fragili durante le emergenze, illustratici da Angela Giusti, ricercatrice presso l’Istituto Superiore di Sanità.

La Transizione invece ci dice che occorre iniziare ad affrontare i problemi con un approccio più sistemico e collegato: i cambiamenti climatici ci dicono che dobbiamo forse aspettarci in futuro eventi eccezionali, non facilmente prevedili perché improvvisi e di grande entità; chi si occupa da tempo di emergenze può insegnare come predisporre piani d’azione semplici e adattabili inserendo tra i rischi valutati anche il rischio di eventi fuori scala; infine chi si occupa di alimentazione dei bambini ci ricorda che il modo più resiliente per proteggere i bambini stessi è prendersi cura delle mamme per favorire in tutti i modi l’allattamento, alimentazione resiliente e sostenibile per definizione.

I nostri tre relatori, oltre alle loro esposizioni, hanno dialogato tra loro e con i presenti proprio in questo spirito di condivisione delle conoscenze e continuo apprendimento.

Luca poi ha colto l’occasione per un accenno all’attualità del passaggio dell’Uragano Matthew, raccontando di come un sistema di allerta e comunicazione efficiente e flessibile ha potuto evitare vittime a Cuba, mentre ce ne sono purtroppo state molte ad Haiti dove per le condizioni sociali ed economiche un tale sistema non è ancora stato sviluppato.

Mauro, dopo una introduzione storica sulla nascita della Protezione Civile, ci ha illustrato il Piano Emergenza Comunale con un accenno ai principali rischi naturali del nostro territorio.

Angela infine ci ha dato qualche indicazione sulla gestione dell’alimentazione dei bambini e più in generale sulla gestione dei soggetti cosiddetti fragili nelle emergenze, facendo riferimento sia alle sue recenti esperienze nei campi di accoglienza delle isole greche e sulla rotta balcanica, sia alle emergenze italiane legate ai terremoti (dall’Aquila ad Amatrice, passando per l’Emilia), con un’attenzione particolare alla comunicazione che viene data in questi frangenti. Le sue slides saranno a breve scaricabili dal sito del GAAM, un assaggio può essere il video di SafelyFed:


Giornata per la custodia del creato con presentazione di Ciao Fossili

29 agosto 2016

Venerdì 9 settembre a Santa Croce di Carpi, nell’ambito della 11° Giornata per la Custodia del Creato ci sarà la presentazione  di Ciao Fossili, Cambiamenti climatici, resilienza e futuro post-carbon.

L’autore, il nostro amico,  Luca Lombroso sarà intervistato da Saverio Catellani.

CREATO 2016 locandina-page-001


Tre incontri con Luca Lombroso a Correggio

6 maggio 2016

A spasso nel tempo… e nel clima” è il titolo dell’iniziativa, promossa dal Comune di Correggio, che vede ospite Luca Lombroso, per tre serate di approfondimento dedicate ai cambiamenti climatici, alle loro ricadute sul meteo, ai possibili scenari futuri e alle azioni da mettere in campo per contrastarne gli effetti.
Primo appuntamento mercoledì 11 maggio, con “Cambiamenti climatici: la cartella clinica del Pianeta Terra”.
A seguire, mercoledì 18 maggio, “Tutti pazzi per il tempo: dalle #meteobufale a #labuonameteo; mercoledì 25 maggio, “Parigi e la Cop21: dallo sviluppo sostenibile al futuro resiliente”.
Tutti gli incontri si svolgono alle ore 21 nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi.

 

0001 (1)


Cambiamenti climatici: quale futuro?

29 aprile 2016

Sabato 14 maggio a Carpi gli studenti dell’Istituto Tecnico Da Vinci e del Liceo Scientifico Fanti, insieme ad altri relatori e ospiti, illustreranno il tema dei cambiamenti climatici presso l’Auditorium Loria.

invitoConvegno14Maggio2016-page-002 (1)


Marcia per il Clima a Modena 29 Novembre

24 novembre 2015

Il 29 novembre, alla vigilia dell’inizio della Conferenza COP 21 di Parigi, in tutto il mondo si marcerà per il clima.

Anche a Modena ci sarà una manifestazione, ecco il testo di presentazione:

“Siamo un gruppo di privati cittadini e associazioni modenesi ecologiste che si occupano di consumo consapevole, riuso, volontariato, ecc, che stanno partecipando attivamente all’organizzazione della manifestazione che ha l’obiettivo di far sentire la voce e lanciare un appello ai governi in previsione del Summit di Parigi sottolineando il legame tra mutamenti climatici e migrazioni.

Abbiamo organizzato a Modena per il 29 novembre 2015 una MARCIA PER IL CLIMA, marcia che lo stesso giorno, coinvolgerà milioni di persone in centinaia di città del mondo. Non si può ignorare la connessione tra attuale modello produttivo, cambiamenti climatici e le migrazioni dovute a guerre generate dalla corsa all’accaparramento delle risorse. Chiediamo che dalla COP21 esca un accordo vincolante per la riduzione dei gas serra e per rafforzare i territori più vulnerabili, che garantisca la tutela del pianeta dall’innalzamento della temperatura globale e giustizia climatica per tutti.

E’ necessario che Modena, l’Italia e l’Europa guardino verso un futuro incentrato su fonti rinnovabili ed efficienza energetica.

Abbiamo ottenuto il patrocinio del Comune e della Provincia di Modena e l’adesione delle seguenti associazioni:

Amnesty International Modena
Associazione di volontariato Palmipedoni
Casa per la Pace
Circolo Legambiente “Chico Mendes”
Comitato di Possibile
Comitato modenese per l’acqua pubblica
Comitato “No bretella Campogalliano-Sassuolo”
Comitato Stop TTIP
FIAB – Federazione italiana amici della bicicletta
Foreste per sempre
GasMO
GAVCI Modena
Guardie ecologiche volontarie
Ingegneria senza frontiere
Insieme in Quartiere per la città
Legambiente
Overseas
Rete di Lilliput
Overseas
Spazioerre
WWF Emilia Centrale

Vi chiediamo di partecipare alla marcia come associazioni ma anche come singoli e allungare il più possibile questo elenco, potete rispondere direttamente a questa mail e vi inseriamo nelle lista. Vi chiediamo anche di diffondere la voce ai vostri contatti! Abbiamo creato anche una pagina Facebook: https://www.facebook.com/marciaperilclimaModena/
e una casella email: marciaperilclimamodena@gmail.com
Ci vediamo il 29 Novembre alle ore 14,30 all’Oasi urbana La Piantata e ricordatevi di mettervi qualcosa di verde!!”

Locandina Marcia per il Clima 29 novembre 2015