Le nostre case con terremoto, caldo e freddo – 2

2 novembre 2012

Come si comportano le nostre case con il (grande) caldo?

Ci pensavo quest’estate, quando poche settimane sono bastate a farmi cambiare idea… o meglio, cambiare prospettiva riguardo a tutto quello che meditavo rispetto all’edilizia e all’energia.

Il terremoto scombussolava anche quei pensieri: chi aveva voglia di investire ancora in quei muri? Certo, avendone la possibilità, restava comunque più saggio comprare dei centimetri di isolamento che dei metri quadri di mattone. Però insomma…

In seguito, il gran caldo: con il cappotto esterno non va neanche male, ma proteggere le case dal caldo può richiedere accorgimenti diversi e aggiuntivi rispetto a quelli presi per il freddo.

E se le estati dovessero essere sovente come quella passata (purtroppo l’ipotesi è estremamente realistica), “correre ai ripari” diventerebbe un’emergenza letterale e immediata.

Dovremmo iniziare a pensare seriamente alle schermature solari.

Insomma, nemmeno per provocazione: i pannelli potrebbero diventare quasi più importanti per l’ombra che fanno che per l’energia che producono!

Annunci

Saie 2012: le nostre case con terremoto, caldo e freddo

21 ottobre 2012

Maurizio Melis sta dedicando 3 puntate di Smart City al Saie 2012,
dove è presente anche la sezione speciale SAIE Green Habitat.

La prima (andata in onda giovedì 18 – qui in streaming e qui per il download) tratta di interventi che siano migliorativi sia rispetto alle prestazioni antisismiche che a quelle energetiche.

La seconda puntata è stata ancora più interessante, perché ha toccato il tema dell’inerzia tecnica, sistemica e culturale del settore edilizio, tema che ci sta molto a cuore e che sarebbe bello fosse maggiormente trattato, perché è di un’importanza incredibile e condiziona enormemente le nostre vite.

La terza puntata si discosta parzialmente dal tema;  è qui e tratta del progetto MED in Italy.