Il picco della salute e la bolla della Sanità

Qualcuno ha fatto notare che non abbiamo preparato un resoconto dettagliato della conferenza sull’Alimentazione Sostenibile. Ci sono cose che hanno bisogno di sedimentare un po’ prima di manifestarsi pienamente, hanno bisogno di essere masticate a lungo prima di essere digerite ed assimilate.

Un altro dei concetti che mi hanno molto colpito della conferenza del 24 febbraio con Davide Bochicchio è stato quello del Picco della Salute. In realtà non ne ha parlato Davide, l’ho detto io al termine di uno scambio di domanda/risposta. Davide stava affermando che l’alimentazione moderna ci sta portando ad un peggioramento del nostro stato di salute, io gli ho obiettato che però la popolazione mondiale sta crescendo come mai prima e che ci dicono continuamente che la durata della vita si allunga.

La risposta di Davide è stata di quelle che devono essere sedimentate. Conteneva, in particolare, due spunti di interpretazione: “Chi è che muore a 80 anni oggi? Le nostre nonne! E come hanno vissuto? Cosa mangiavano? Quanta attività fisica facevano?” e ancora “E a che prezzo abbiamo allungato la durata della vita ‘malata’?”.

Io la domanda l’avevo fatta apposta perché avevo letto un preoccupante post di Ugo Bardi, che poneva la domanda ma lasciava con poche risposte e volevo sapere come avrebbe risposto Davide.

La mia curiosità su questi dati è diventata irresistibile. Se non vi fidate di Ugo Bardi (e del resto ha intitolato il suo blog a Cassandra sapendo che i più non gli avrebbero mai creduto) potete fare quello che ho fatto io: andate sul sito della Commissione Europea per la Salute, scegliete gli indicatori dello stato di salute che volete visualizzare nel grafico, io ho scelto l’aspettativa di vita alla nascita (Life expectancy at birth) e l’aspettativa di salute alla nascita (Health life years at birth). Questi sono i grafici:

Aspettativa di vita alla nascita

Aspettativa di vita sana alla nascita (uomini)

Aspettativa di vita sana alla nascita (donne)

Direi che non serve una laurea in statistica per accorgersi del preoccupante divario delle due curve a partire dal 2003: la vita continua ad allungarsi mentre la vita sana si accorcia drasticamente come, tra l’altro, non aveva mai fatto prima.

Io continuo a seguire i commenti al post di Ugo Bardi ma non è che emergano tante risposte chiare come quelle ipotizzate da Davide:

  1. Il nostro stile di vita (non solo alimentare) ci sta precipitando verso la malattia.
  2. Il sistema “sanità” invece che correggere questo trend sta “drogando” i dati  “iniettando” un’enorme quantità di denaro (in farmaci e prestazioni medico-assistenziali) per far sì che l’aspettativa di vita continui ad aumentare e, con essa, i suoi profitti.

Fino a quando anche questa bolla scoppierà…

Advertisements

4 risposte a Il picco della salute e la bolla della Sanità

  1. […] (originale qui) Qualcuno ha fatto notare che […]

  2. […] dice Marco nel post di qualche giorno fa, non è facile sintetizzare i mille spunti e stimoli che Davide ci ha […]

  3. […] Articolo originale: Il picco della salute e la bolla della Sanità Share and Enjoy: Salute […]

  4. […] domenica 6 maggio a Mirandola con la conferenza di Davide Bochicchio, che abbiamo già conosciuto e ospitato con piacere a Carpi. L’incontro è all’interno della giornata “Terra Equa”, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: